lunedì 23 luglio 2012

Le convenzioni


Educazione civica 

Non viviamo isolati, siamo in relazione con individui e insiemi di persone in un ambiente dato. Quando nasciamo chi ha vissuto prima di noi ha già organizzato il modo di vivere dell'individuo e tra più persone. Noi che siamo appena arrivati (bambini) ci troviamo a dover conoscere e seguire leggi e regole che non abbiamo direttamente scelto.
Ci insegnano che ogni persona quando cresce ha il diritto e dovere di influenzare e contribuire al cambiamento delle leggi e regole che non sono più condivise o che si ritengono ingiuste anche seppure per una minoranza.
Queste leggi devono potersi evolvere secondo il paesaggio sociale, man mano che si trasforma, se questo non avviene, in molte epoche, individui, gruppi e interi popoli si sono ribellati attraverso, metodi violenti (colpi di stato) e nonviolenti (disobbedienzacivile: Gandhi, Martin Luter King, ecc)
Ogni epoca ha avuto le sue convenzioni o regole sociali e personali ad esempio il codice Babilonese di Hammurabi (legge del taglione), la concezione africana della rete UBUNTU
In questo percorso vedremo come riconoscere, comprendere, le convenzioni o consuetudini dell'epoca che viviamo oggi. Inoltre partendo dalla propria situazione provare a immaginare e costruire delle convenzioni in famiglia con il gruppo di amici ecc...
 1)Riconoscere le convenzioni sociali
 a) negli ambiti conosciuti: scuola, nuoto, Judo, Aikido, viabilità stradale, ecc.

b) Conoscenza dei principi fondamentali della costituzione italiana. Riconoscerne le contraddizioni in generale e dal 2007 legate anche alla sottoscrizione del Trattato di Lisbona.


2)Riconoscere i codici di comportamento (consuetudini) positive e negative dei vari ambiti di cui uno fa parte: famiglia, gruppo di amici, ecc. 


3)Immaginare e/o costruire le proprie convenzioni e codici nei gruppi di appartenenza.

Nessun commento:

Posta un commento